Menù

News

Archivio news

Associati I-jazz

Toscana Music Pool: BOSSO – BONACCORSO BO.BO duo

05 settembre 12 , ore 21:30
Firenze, Giardino di Boboli
Fabrizio Bosso (tromba), Rosario Bonaccorso (contrabbasso)
Ingredienti semplici: una Tromba, un Contrabbasso e quella magica forma di
comunicazione che vige tra due strumenti fondamentali della musica jazz.
La semplicità di un suono che racchiude molte avventure musicali e ancor più provocazioni, come la ricerca di certi confini tra la tradizione e la libertà espressiva del DUO ? il Duo BoBo è la sintesi di un connubio umano e musicale nato tra Fabrizio Bosso e Rosario Bonaccorso. I due famosi artisti italiani pur conoscendosi ed apprezzandosi reciprocamente da molti anni, hanno cominciato a collaborare da poco tempo incontrando come primo risultato straordinario: una magica alchimia di intenti? La musica del duo BoBo si sviluppa su tematiche originali e brani della tradizione del jazz, in un concerto dove le loro forti personalità musicali fondono melodia , creatività, energia, l?amore della tradizione e quella giusta dose di ironia, che crea risultati imprevedibili. Fabrizio Bosso Fabrizio Bosso ha iniziato a suonare la tromba a 5 anni. A 15 era già diplomato al conservatorio G. Verdi di Torino. Coltivando di continuo gli interessi per la musica di estrazione colta si è accostato al jazz. Un richiamo forte, suadente, a cui il torinese non ha saputo reagire. Tecnicamente impeccabile, ciò che più colpisce di Fabrizio è la creazione di una grafia personale, in cui il colore e la dinamica del suono non sono mai scontati, il senso dello swing è spinto agli eccessi, la tensione creativa è costante anche nell?interpretazione di standard. Rosario Bonaccorso nasce l´8 Dicembre 1957 ed inzia a suonare il jazz a vent?anni. Sono i virtuosismi di Eddie Gomez, e di Scott la Faro , eccezionali contrabbassisi del trio di Bill Evans, e poi Ron Carter a stregarlo ed ispirarlo. La maturità musicale lo porterà a sviluppare il proprio stile personale, reinventando così il messaggio della tradizione dei grandi bassisti della musica afroamericana, che Bonaccorso rivisita con contemporaneità, freschezza e personalità.

05 settembre 12 , ore 21:30Firenze, Giardino di BoboliFabrizio Bosso (tromba), Rosario Bonaccorso (contrabbasso)
Ingredienti semplici: una Tromba, un Contrabbasso e quella magica forma dicomunicazione che vige tra due strumenti fondamentali della musica jazz.La semplicità di un suono che racchiude molte avventure musicali e ancor più provocazioni, come la ricerca di certi confini tra la tradizione e la libertà espressiva del DUO ? il Duo BoBo è la sintesi di un connubio umano e musicale nato tra Fabrizio Bosso e Rosario Bonaccorso. I due famosi artisti italiani pur conoscendosi ed apprezzandosi reciprocamente da molti anni, hanno cominciato a collaborare da poco tempo incontrando come primo risultato straordinario: una magica alchimia di intenti? La musica del duo BoBo si sviluppa su tematiche originali e brani della tradizione del jazz, in un concerto dove le loro forti personalità musicali fondono melodia , creatività, energia, l?amore della tradizione e quella giusta dose di ironia, che crea risultati imprevedibili. Fabrizio Bosso Fabrizio Bosso ha iniziato a suonare la tromba a 5 anni. A 15 era già diplomato al conservatorio G. Verdi di Torino. Coltivando di continuo gli interessi per la musica di estrazione colta si è accostato al jazz. Un richiamo forte, suadente, a cui il torinese non ha saputo reagire. Tecnicamente impeccabile, ciò che più colpisce di Fabrizio è la creazione di una grafia personale, in cui il colore e la dinamica del suono non sono mai scontati, il senso dello swing è spinto agli eccessi, la tensione creativa è costante anche nell?interpretazione di standard. Rosario Bonaccorso nasce l´8 Dicembre 1957 ed inzia a suonare il jazz a vent?anni. Sono i virtuosismi di Eddie Gomez, e di Scott la Faro , eccezionali contrabbassisi del trio di Bill Evans, e poi Ron Carter a stregarlo ed ispirarlo. La maturità musicale lo porterà a sviluppare il proprio stile personale, reinventando così il messaggio della tradizione dei grandi bassisti della musica afroamericana, che Bonaccorso rivisita con contemporaneità, freschezza e personalità.

Write a comment

You need to login to post comments!

Cerca nel sito

Progetti I-jazz

Novità Associative

Archivio