Menù

News

Archivio news

Associati I-jazz

Riparte la Stagione Novara Jazz 2013-2014

Dall’autunno all’estate: 9 mesi di Jazz a Novara

Un’intensa stagione per Novara Jazz, la manifestazione novarese, palcoscenico unico nel cuore della città per il grande jazz, l’improvvisazione, le sperimentazioni elettroniche e le contaminazioni tra le arti.
Organizzata dall’Associazione Culturale Rest-Art, la stagione 2013/2014 si presenta ricca di eventidall’autunno 2013 fino all’estate 2014. Inizia sabato 28 settembre alle 21.00 la stagione di Novara Jazz con un appuntamento di musica e immagini affidato al trioMistaking Monks, composto da Cristiano Calcagnile(percussioni), Xabier Iriondo (mahai metak, taisho koto, lo-fi el, ex Afterhours) e Gianni Mimmo (soprano sax) che musicherà dal vivo il film Il Colore del melograno (Sayat Nova) di Serghei Parajanov, in un evento al Piccolo Coccia (Piazza Martiri, 2) realizzato in collaborazione con NovaraCineFestival – Scenari Orizzontali, il festival internazionale del cortometraggio, nato a Novara nel 2004. Ingresso alla serata: 10,00 euro.

 

La ricca stagione prosegue sabato 5 ottobre alle 21.00 all’Auditorium del Conservatorio Cantelli, in Largo Colonna, 1 con Rita Marcotulli & Antonio Zambrini. Un incontro magico tra due pianisti italiani che rappresentano un vanto nazionale nel mondo. Antonio Zambrini è considerato compositore di livello assoluto, tanto da essere sempre più spesso ripreso anche oltreoceano. Rita Marcotulli è musicista compositrice poliedrica vincitrice negli ultimi anni di una messe incredibile di premi, ha partecipato inoltre alla realizzazione del film Basilicata coast to coast, per il quale si è occupata della colonna sonora per la quale ha ricevuto il Ciak d’oro nel 2010, il Nastro d’argento alla migliore colonna sonora nello stesso anno, il David di Donatello per il miglior musicista nel 2011 (prima donna in assoluto a ricevere questo riconoscimento). Dunque un appuntamento “evento” poiché si celebra il talento compositivo italiano e due espressioni pianistiche tra le più originali oggi del panorama europeo, imperdibile per gli amanti del pianoforte e della musica “tout court”.
Venerdì 18 ottobre sale sul palco dell’Auditorium del Conservatorio Cantelli Vijay Iyer Trio(Vijay Iyer al pianoforte, Stephan Crump al basso e Marcus Gilmore alla batteria): Vijay Iyer e colleghi hanno aggiornato il classico pianoforte jazz trio creandone uno nuovo e potente di musica d’avanguardia. Il gruppo è stato nominato ai Grammy Award e come gruppo jazz del 2012 per Downbeat. Vijay Iyer è il più importante pianista jazz americano del momento, nominato dalla MacArthur Foundation per la sua musica jazz tra i 24 personaggi più creativi al mondo nel 2013.
Sabato 9 novembre alle 21.00 l’Auditorium del Civico Istituto Musicale Brera (Viale Verdi, 2) ospita la serata Novarajazz goes to Ethiopia con il ritorno a Novara del batteristaFrancesco Cusa e del ballerino etiope Melaku Belay, accompagnati dalla danzatrice e performer africana Jennifer Cabrera e dalla voce di Gaia Mattiuzzi. Prosegue così il viaggio nella scena jazz etiope di Novara Jazz, che durante l’edizione 2013 del festival ha realizzato anche una vera e propria Ethiopian night nel cortile del Broletto di Novara. L’evento è realizzato con la collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Abu Dhabi.
Sabato 30 novembre alle 21.00 all’Auditorium del Civico Istituto Musicale Brera arriva il duo formato da Jang Bang (live sampling) e Arve Herniksen (tromba). Citando la sue influenze, Herniksen ha detto “Ho ascoltato molto Don Cherry e Miles Davis, ma Nils Petter Molvaer e Jon Hassell sono coloro a cui mi sono ispirato maggiormente: un giorno Nils mi fece ascoltare lo shakuhachi giapponese, e lì capii che quella era la strada che stavo cercando con la mia tromba”. Considerato una delle voci più importanti della nuova scena nord europea, insieme all’elettronica di Jan Bang – una delle personalità più brillanti della scena europea – Arve Herniksen dà vita ad un dedalo sonoro suggestivo, che dai fiordi norvegesi arriva in chiaroscuro a toccare le più alte vette dell’elettronica contemporanea. Un appuntamento che unisce due protagonisti della musica norvegese a metà tra la musica da camera e l’elettronico d’avanguardia.
Il 2014 inaugura con un grande appuntamento il 26 gennaio alle 21.00 all’Auditorium delConservatorio Cantelli: Phil Minton Quartet. Un quartetto formato da Phil Minton (voce),Veryan Weston (pianoforte), John Butcher (soprano e sax tenore) e Roger Turner(percussioni). Il quartetto nasce a metà degli anni ’90 a seguito della loro prima improvvisazione che ha dato vita alla registrazione di Mouthfull of ectasy, ispirato al romanzo Finnegans Wake di James Joyce. Nel 2006 esce il loro secondo album Slur. La straordinaria voce di Minton diventa uno strumento insieme agli altri, e riesce a trasmettere una vasta gamma di emozioni e di significati anche nei momenti solisti. Una voce che stupisce nella diversità dei suoni che può produrre, gemiti, urla, ruggiti gutturali, rantoli senza fiato, borbottii scuri.
Sabato 22 febbraio alle 21.00 all’Auditorium del Conservatorio Cantelli l’appuntamento è conThe Full Blast Trio (Peter Brötzmann alle canne, Marino Pliakas al basso, Micheal Wertmüller alla batteria). Brötzmann è un musicista di origine tedesca accreditato come la leggenda vivente del free jazz europeo, una delle forze trainanti del nuovo movimento jazzda oltre 40 anni. The Full Blast Trio è una nuova collaborazione nata nel 2004 tra Brotzmann e i musicisti svizzeri Pliakas e Wertmüller. Il gruppo da allora ha girato il mondo, portando improvvisazione ad alta energia nella scena internazionale.
Ancora artisti internazionali sabato 8 marzo alle 21.00 all’Auditorium dell’Istituto Brera: Mike Westbrook (pianoforte) in trio con Kate Westbrook (voce) e Chris Biscoe (sassofoni). Mike Westbrook Trio presenterà l’ultimo progetto Three Into Wonderfull nel quale al meglio si amalgama standard jazz e poesia in musica. Un album per celebrare i trent’anni di carriera che contiene tracce inedite degli anni ’90 in un sapiente equilibrio tra composizione ed improvvisazione. Mike Westbrook è uno dei più importanti esponenti del jazz inglese, un artista che segue altre nobili realtà artistiche, come Stan Tracey, Norma Winstone, Alexander Hawkins.
Penultimo appuntamento sabato 29 marzo alle 21.00 nell’Auditorium del Conservatorio Cantelli: Nu band con Roy Campbell (fiati), Marck Whitecage (sassofono), Joe Fonda(fiati), Lou Grassi (batteria): quattro musicisti esperti che formano un dinamico ensemble di free bop. Partendo dai ritmi tradizionali del jazz e del soul si avventurano nelle sperimentazioni ritmiche della musica contemporanea, creando delle melodie intense ed indimenticabili. Nu band, tra le più celebrate band americane, festeggia quest’anno i dieci anni di attività.
Il 12 aprile alle 21.00 nell’Auditorium dell’Istituto Brera sono di scena Day & Taxi, ossiaChristoph Gallio (sassofoni), Silvan Jeger (contrabbasso) e David Meier (batteria). Un trio nato negli anni ’80 dall’idea di Christoph Gallio; una musica che spazia dallo swing al free jazz creando melodie accattivanti che potrebbero essere definite come jazz post- moderno.
Tutti i concerti hanno un costo di 15,00 euro, ad eccezione di Rita Marcotulli & Antonio Zambrini (10,00 euro) e Vijay Iyer Trio (20,00 euro). E’ possibile, inoltre, già a partire dal 28 settembre, acquistare un abbonamento per i 10 concerti al prezzo speciale di 90,00 euro. Seguite le istruzioni nel modulo a sinistra.
Novara Jazz è organizzato dall’Associazione Culturale Rest–Art, con il contributo diCompagnia di San Paolo e Regione Piemonte, il patrocinio di Provincia di Novara eComune di Novara, il supporto di Istituto Musicale Brera e Scuola di Musica Dedalo e la collaborazione, in fase di definizione, di Conservatorio Guido Cantelli.

Cerca nel sito

Progetti I-jazz

Novità Associative

Archivio